loading...

Ancora una volta i Simpson predicono il futuro: Aereo precipita, a bordo c’era una squadra Brasiliana.

A pochi giorni dalla terribile tragedia del Chapecoense, la stampa sudamericana sostiene che I Simpson avevano già predetto l’accaduto all’interno di un episodio andato in onda nel 1990. Un aereo con a bordo una squadra di serie A brasiliana si è schiantato in Colombia, provocando la morte di 71 passeggeri. Solo 6 sono quelli che si sono salvati dopo il terribile schianto.

Il 1° novembre del 1990 andò in onda negli Stati Uniti un episodio intitolato “Due macchine in ogni garage e tre occhi per ogni pesce”. Nella puntata de I Simpson in questione, Mr Burns riceve la visita inattesa del Dipartimento del Lavoro per un sopralluogo all’interno della sua centrale nucleare. Nel corso dell’ispezione viene rinvenuto un aereo ritenuto precedentemente scomparso Una voce di donna annuncia dagli altoparlanti: “A bordo c’era una squadra di calcio brasiliana che avevamo dato per scomparsa”. Burns spiega che l’aereo a bordo del quale viaggiava la squadra si era schiantato sulla sua proprietà. Secondo i sudamericani, quell’episodio avrebbe predetto il verificarsi della tragedia del Chapecoense.

Le previsioni dei Simpson:
Sono tantissime le previsioni attribuite ai Simpson nel corso degli anni. L’ultima, in ordine cronologico, è quella legata all’elezione di Donald Trump che grosso scalpore ha provocato. “Bart to the future” è il titolo dell’episodio che, anni prima delle elezioni, aveva già mostrato un tronfio Trump insediato alla Casa Bianca. Di minore portata e impatto, invece, sono state quelle che hanno consentito alla celebre serie di Matt Groening di anticipare i tempi sull’invenzione di gadget che, a quasi 20 anni, sono diventati veri e propri oggetti di largo consumo. Anche per quanto riguarda la diffusione del virus Ebola, c’era stato un gran sollevamento popolare. I complottisti ” era il 2014 ” sostennero che furono proprio i Simpson ad averlo previsto anni prima dell’epidemia di contagio.

Lascia il tuo commento:

commenti