loading...
loading...

E’ il Killer del momento: L’infarto silenzioso, ecco come avvertirlo e salvarvi la vita.

273
Condivisioni Totali

Attacco al cuore senza preavviso o infarto silenzioso: non si “sente”, ma può scatenarsi da un momento all’altro. Infarto silenzioso: ecco come avvertirlo

Una ricerca del National Institute of Health ha monitorato 1800 persone dai 45 anni in su, per circa 10 anni attraverso delle scansioni del cuore. Quello che è stato rilevato potrebbe cambiare le carte in tavola a livello di medicina cardiaca. Andiamo nel dettaglio dell’indagine: l’8% degli individui sotto osservazione, ha mostrato delle “cicatrici” del tessuto cardiaco, testimonianze di un infarto silenzioso e del quale nessuno di loro si era mai accorto o per il quale non avevano avvertito alcun sintomo forte o degno di nota, che li potesse far recare da un dottore. In questi casi, appunto, si è trattato di attacco “silente”.  Ma quali sono i sintomi? E’ possibile captarne l’arrivo attraverso dolori al petto, nausea, vomito, stanchezza immotivata, bruciore di stomaco, mancanza di respiro, o fastidio al collo o alla mandibola. In questi casi, non si tratta di influenza, ma di infarto cosiddetto silenzioso. Questo fenomeno provoca accelerazione dei battiti ed il cuore non pompa sangue in maniera sufficiente. E si prospetta un arresto cardiaco. “Tra le cose fondamentali suggerisco di monitorare attentamente i sintomi quando non ci si sente in forma e di fare attenzione quando si superano i 50 anni. I più giovani hanno meno probabilità di manifestare un attacco di cuore. Oltre una certa età bisogna considerare ogni fattore di rischio come l’obesità, l’ipertensione, il diabete, il fumo e naturalmente la familiarità di patologie cardiache”. Queste le parole del Dott. Blunke, esperto in medicina del cuore. E’ bene, quindi, effettuare prevenzione e tenere sotto controllo tutto ciò che riguarda quello che è tra gli organi vitali del nostro corpo. E ci sono tantissimi modi per aver cura del nostro cuore, tra questi quello di controllare periodicamente la pressione, di mantenere un peso forma accettabile e quello di smettere assolutamente di fumare. Anche per quanto riguarda l’infarto silenzioso, ovvio potremmo non avvertirlo, ma prestando attenzione a quanto consigliato sopra, sicuramente saremmo in grado di tenerlo a bada per quanto possibile.

273
Condivisioni Totali


Lascia il tuo commento:

commenti