loading...
loading...

ROM chiedono il pizzo a poveri clochard. Il servizio che ha indignato gli Italiani. Guardate…

212
Condivisioni Totali

Chiedono il pizzo per dormire all’aeroporto di Linate. Una banda di tre donne e un uomo dell’est, forse nomadi, sono stati scoperti da Striscia la Notizia a lucrare sulla pelle delle persone che non hanno una casa e che in questi giorni di freddo cercano riparo nello scalo milanese. Due complici di Striscia si sono finti senzatetto ed hanno cercato di passare alcune notti a Linate. Non appena hanno disteso i cartoni in terra, si è avvicinato l’uomo della banda e ha chiesto loro 10 euro a testa per avere un posto dove dormire. Tutti i senzatetto devono pagare, altrimenti vengono cacciati dall’aeroporto e sono costretti ad affrontare il gelido inverno. I soldi devono essere consegnati fuori dallo scalo e nessuno è escluso. Per chi vuole, i quattro balordi dell’est vendono anche delle coperte al prezzo di 20 euro. Una vera e propria organizzazione che si arricchisce sulla pelle dei più bisognosi. “Io ho pochi soldi….- dice uno dei complici di Striscia – te li devo dare subito o dopo?” “Subito”, risponde senza timore la più giovane componente della banda. La quale dopo aver ricevuto il denaro, indica ai due finti clochard il posto loro assegnato e spiega che “ti devi svegliare alle 6 e andare via, ok?”. Per tenere una contabilità precisa, la donna si segna su un taccuino i nomi dei senzatetto cui ha estorto denaro. “”Prendiamo il nome così sappiamo quanti giorni state qua”, spiega diligente. Quando l’inviato di Striscia, Max Laudadio avvicina i componenti della banda, questi scappano e negano ogni accusa nonostante l’evidenza delle immagini. La più giovane si rifugia all’interno di una zona cui le sarebbe interdetto entrare, ma l’addetto dello scalo di Linate caccia tutti: cameraman, giornalista e la donna. Allora la nomade urla la sua rabbia: “Italiani sono delle merde – grida afferrando il microfono – Perché mi rompi il cazzo?”.

(Fonte: www.ilgiornale.it)

212
Condivisioni Totali


Lascia il tuo commento:

commenti