loading...
loading...

Scoperta sepoltura di 6200 anni. Quello che trovano al suo interno sconvolge scienziati Mondiali.

106
Condivisioni Totali

Un uovo di parassita è stato rinvenuto in un’antica tomba di 6200 anni fa trovata in Siria. 

Tracce di un antico parassita scoperte in una sepoltura di 6200 anni – Un parassita con 6200 anni di storia: è stato trovato dagli scienziati in un’antica sepoltura scoperta in Siria, una tomba all’interno della quale gli archeologi hanno trovato i resti di un bambino. Analizzandoli è emersa la presenza dell’uovo di un parassita che provoca la schistosomiasi e la sua particolarità è di aver resistito per oltre 6000 anni tanto da essere presente ancora oggi e causare lo stesso tipo di infezione.Tracce di questo antico e al contempo moderno parassita erano già state trovate in alcune mummie egizie di 5200 anni fa ma la sepoltura scoperta in Siria è ancora più antica. All’interno della necropoli, chiamata Tell Zeidan, sono stati trovati altri 25 scheletri oltre a quello del bambino. parassita, proveniente dalla regione della Mezzaluna Fertile tra Tigri ed Eufrate: si tratta infatti di un parassita d’acqua che ha conosciuto il suo sviluppo in seguito allo sviluppo delle prime avanzate tecniche di irrigazione, 7500 anni fa che hanno portato a un aumento delle infezioni. I ricercatori hanno prelevato altri campioni dalla zona addominale dei 26 scheletri per accertare chi di loro sia deceduto a causa del parassita. Questo parassita infatti vive nelle lumache d’acqua dolce ma in seguito al contatto con gli esseri umani depone le uova dopo aver scavato nella loro pelle; ne deriva un’infezione diffusa ai vasi sanguigni delle reni, sangue nelle urine, oltre al rischio di anemie e addirittura di cancro alla vescica. Questo parassita colpisce ancora oggi in Africa, infettando le viscere.

106
Condivisioni Totali


Lascia il tuo commento:

commenti